Coronavirus, Mattarella: ''Ora sforzo comune e condiviso''

2' di lettura 06/10/2020 - ''La pandemia globale sta comportando costi elevatissimi per le nostre società ed è necessario uno sforzo comune e un impegno convergente da parte delle istituzioni, delle imprese, di tutte le componenti sociali per attuare un progetto, il più possibile condiviso, orientato allo sviluppo sostenibile dal punto di vista ambientale, economico e sociale".

E' quanto chiede il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio inviato a "Made in Italy: the restart - Il rilancio dell'economia italiana nel mondo post Covid", organizzato dal Sole 24 Ore e Financial Times. "La battaglia non è vinta, la soglia di attenzione deve restare massima anche nelle settimane e nei mesi a venire". Lo dice il premier Giuseppe Conte in un passaggio, sul Covid, del suo intervento a Confcooperative nel giorno in cui il ministro della salute Roberto Speranza sulle misure di contenimento del covid. Intanto il centrodestra sottolinea che il governo è impegnato "a condizionare l'eventuale proroga dello stato di emergenza in scadenza il 15 ottobre 2020 ad un ampio e approfondito dibattito parlamentare - alla presenza del presidente del consiglio - sulle effettiva necessità della stessa e sulle ragioni dell'eventuale provvedimento". E' il primo impegno della risoluzione presentata dal centrodestra dopo le comunicazioni del ministro Roberto Speranza sulla gestione della pandemia da coronavirus. C'e un a fase di peggioramento oggettivo e dentro questa fase l'Italia sta maglio ma da 9 settimane ha tendenza e' di una crescita del numero dei casi - ha affermato il ministro della Salute, Roberto Speranza -. Inoltre nella prima fase il virus aveva colpito una area del paese precisa, ora c'è un elemento di novita' perchè non c'è più una dinamica di territorialita', con un pezzo del paese molto colpito ed un altro colpito in modo solo marginale. In questa seconda fase non è piu cosi è c'è una crescita diffusa e generalizzata e nessuna realtà è fuori dai rischi. C'è bisogno della massima attenzione in ogni angolo del paese". Bisogna ripristinare - ha aggiunto Speranza - la massima collaborazione tra Stato e regioni, con le quali abbiamo avuto un incontro e prima della firma del Dpcm ne avremo un altro.






Questo è un articolo pubblicato il 06-10-2020 alle 16:18 sul giornale del 07 ottobre 2020 - 218 letture

In questo articolo si parla di attualità, edoardo diamantini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bxS5